La cena dell’ultimo dell’anno ha soddisfatto più o meno tutti, pur lasciando qualche dubbio: i ravioli non erano proprio come li volevo e anche la semola della Coop non è sempre la stessa, l’anatra aveva bisogno di un qualche aggiustamento che ne stemperasse il dolciastro. Ha lasciato anche qualche richiesta di ricette; i radicchi li lascio a Sara, le carote seguiranno, per Donatella ecco le zucchine, erano fatte così.

Questa è una ricetta che a me piace molto, perché è semplice ed il risultato è un po’ sorprendente, delle zucchine non noiose che hanno qualcosa di arabo e al tempo stesso fresche, lisce e piacevoli come un’insalata.

Scegliete bene le zucchine: fresche, freschissime, possibilmente quelle talmente fresche che quando le tagli sono un po’ resinose e la lama del coltello si incolla. Tagliatele a fettine sottili (1-2 mm). Io preferisco tagliarle a mano, sul tagliere, perché la mandolina, per la sua forma, le piega e le forza a rompersi, almeno la mia; per tagliarle a mano (vedi figura): dividetele per il lungo in 2-3 parti a seconda della grandezza della zucchina, appoggiatele sul tagliere in verticale e procedete, piano piano ad affettare. Se l’ultima fettina è troppo spessa, stendetela di piatto sul tagliere e col coltello parallelo al tagliere dividetela a metà. Durante tutta l’operazione attenti alle dita, il mignolo potrebbe andarsene un po’ per i fatti suoi e trovarsi sulla direttrice della lama che è quello che è successo a me…

zucchine-spadellate1

Affettate che siano, mettetele in un’ampia padella (ampia) con un filo d’olio ed iniziate a cuocere a fiamma abbastanza vivace.

Nel corso della cottura aggiungete il sale ed un po’ di menta secca. Poca, mi raccomando. Io uso quella del giardino della nonna che ho seccato quest’estate ed è ancora un po’ troppo saporita e dolce; col tempo migliorerà. Se volete aggiungete anche un po’ di origano secco, anche questo in dosi controllate altrimenti rovinate tutto.

Cuocete, spadellando ogni tanto (non usate il mestolo per non rompere le fettine, ma spadellate) finché vi sembrerà che le zucchine siano “quasi” cotte. Spegnete e travasate le zucchine in una terrina di dimensioni adeguate per lasciarle riposare nel loro olio. L’olio deve essere in quantità adeguate da “marinarle”.

Servite le zucchine tiepide o fredde.