In questi giorni ho preso alcune importanti decisioni, di cui voglio rendervi partecipi. Eccole:

1) Non comprerò mai più la pasta sfoglia surgelata, a meno che non riesca a trovarne di fatta con solo burro. Dopo le news sui grassi idrogenati che Stefano ci ha portato il giorno delle festa d’anniversario mi son convinta definitivamente che quella roba ha poco a che fare col cibo (guardate ingredienti e dosaggi di una qualsiasi confezione di pasta sfoglia surgelata per credermi).

2) Voglio ridurre sempre di più la quantità di burro e zucchero nei dolci che faccio, senza però trovare dei sostituti (ossia: no all’uso di edulcoranti e no all’uso di margarina). Semplicemente i dolci saranno meno dolci, oppure cercherò di metterci dentro un ingrediente principale naturalmente dolcificante, come i fichi o le pere mature.

3) Voglio ridimensionare le proporzioni/porzioni. Basta con le torte giganti. In famiglia siamo in due a mangiare dolci, e in ogni caso vorremmo limitare la cosa ad una sola porzione? Ottimo, ridurrò le dosi in modo da ottenere due sole porzioni -una ciascuno- da ingollare in una sola occasione. Basta coi dolci avanzati e i sensi di colpa per aver reiterato il peccato di gola!

Per dimostrarvi che è tutto vero posto questa ricettina che ho messo assieme stamane, in piena crisi d’astinenza da cioccolato. Per un tortino che soddisfa ampiamente quattro persone, destinato a sparire subito vi servono:

100 gr di cioccolato fondente (scegliete voi la percentuale di cacao che più vi aggrada)
50 gr di burro
25 gr scarsi di zucchero di canna (io uso il muscovado)
25 gr di farina di riso (ma vanno bene anche la fecola, la maizena o se non avete nessuna di queste la farina setacciata)
1 uovo
1 pizzico di sale
2 cucchiai da tè di scaglie di cocco essicato

Mettete a sciogliere il cioccolato e il burro a bagnomaria, aggiungendo alla fine il pizzico di sale e il cucchiaio di zucchero. Levate la bastardella dall’acqua e mescolate il tutto. Lasciate raffreddare per qualche minuto. Montate a neve l’albume; aggiungete il tuorlo al composto di cioccolato tiepido, e la farina. Infine amalgamate delicatamente la chiara. Versate la crema morbida che avrete ottenuto in uno stampo da forno piccolo (io ne ho usato uno rotondo il cui diametro misura 17 cm) foderato con carta da forno.
Prima di infornare cospargete con scaglie di cocco. La temperatura valutatela in base al forno, non dev’essere altissima…e deve stare in forno poco, 25 minuti al massimo. E’ pronto quando ha fatto una crostina più chiara fuori, ma dentro rimane morbido.

P.s.: sono mooolto soddisfatta di questo dolce. E’ venuto davvero poco dolce, si sentiva l’amaro del cioccolato e addirittura il sale, e ho trovato la cosa interessante. In più, si scioglie letteralmente in bocca. Consiglio vivamente a tutti gli amanti del cioccolato e a tutti gli amanti dei dolci poco dolci.
Qui a casa però non ne ho trovato neanche uno…sigh, sob.